Blog, News

Astronauti per un giorno al Museo della Scienza e della Tecnologia!

Durante la visita al Museo della Scienza e della Tecnologia la Classe Quinta si è trasformata per un pomeriggio in una equipe di astronauti esperti.

“Qui base Marte Schiaparelli…”

Siamo nell’anno 2048, e l’equipaggio si trova su Marte per formare un insediamento stabile, ma i problemi sulla base del pianeta Rosso non mancano: gli alunni, divisi in gruppi di lavoro con ruoli precisi, hanno dovuto collaborare per garantire la loro sopravvivenza in questa autentica simulazione spaziale.

C’è chi ha il compito di comprendere con misurazioni ed esperimenti il perché della stanchezza eccessiva dei membri dell’equipaggio. I risultati dicono che questa aumenta solo sotto sforzo: probabilmente gli astronauti sulla base stanno lavorando troppo.

Bisogna rallentare.

I piccoli astronauti dell'equipe al lavoro.I piccoli astronauti dell'equipe al lavoro.

Un’altra equipe cerca di capire quali piante è meglio coltivare per fornire un maggiore apporto di nutrienti all’equipaggio: servono più zuccheri e amidi.

La base dispone di 5 serbatoi d’acqua. I nostri esperti hanno individuato la presenza di microrganismi nel serbatoio 4. Per il momento quell’acqua non si può più bere. Il serbatoio dovrà essere opportunamente disinfettato.

Nel frattempo, il gruppo che si occupa dei rover che lavorano all’esterno della base li ha programmati per ispezionare il tracciato dei cavi che portano energia dai pannelli solari alla base. Potrebbero essere danneggiati e questo spiegherebbe l’apporto insufficiente di energia.  Il controllo effettuato con i rover indica che non ci sono perdite o danni. I pannelli vanno però ripuliti dalla polvere presente sul pianeta Rosso che si accumula oscurandoli. Uno dei nostri gruppi ha invece programmato i bracci robotici che dovranno spazzare la polvere dai pannelli. Anche questo problema è stato risolto.

I piccoli astronauti dell'equipe al lavoro. I piccoli astronauti dell'equipe al lavoro.

La base e il suo equipaggio sono salvi.

I bambini sono stati bravissimi nel reagire prontamente ad ogni difficoltà, riuscendo addirittura a risolvere tutti i problemi in meno tempo del previsto! Un’ esperienza unica che, unendo scienza e divertimento, ha regalato loro un pomeriggio davvero entusiasmante.