La scuola

Bambini e bambine – persone – cittadine e cittadini del mondo.
Stefano, ex alunno, ha espresso questo pensiero: «Nuova Educazione è la Scuola delle attenzioni». Vogliamo adottare la sua definizione. Educare è un sistema di attenzioni rivolte allo sviluppo delle facoltà dell’Uomo.
Nella nostra scuola dell’infanzia e primaria adottiamo questo metodo.

Diventare grandi non significa solo crescere di statura e imparare tante cose. Le facoltà umane vanno viste nel loro complesso, oltre le conoscenze, fino a comprendere la qualità dei sentimenti e delle relazioni. La dimensione razionale, emotiva, sociale ed etica devono essere considerate un tutto armonico, affinché il bambino cresca equilibrato e protagonista attivo nel vivere civile.
Dare valore alle peculiarità di ogni bambino, scoprendone le possibilità e le doti, rafforzandone e consolidandone le espressioni: questo è il punto focale della metodologia di Nuova Educazione.

I linguaggi creativi della fiaba e del mito per dialogare con in bambini
Ogni bambino è un mondo unico e complesso che deve essere compreso attraverso più linguaggi. Per parlare al cuore e alla mente dei bambini i linguaggi creativi sono i più adeguati.
Nuova Educazione ne ha fatto un metodo.
Le storie del passato raccontano fatti ed emozioni comuni a tutte le epoche. Le immagini e i personaggi della fiaba, le loro voci e raffigurazioni insegnano a superare le difficoltà, forniscono nuove conoscenze e aiutano a rescere. Queste “storie che fanno crescere” sono un punto di forza della metodologia di Nuova Educazione, la loro messa in scena diventa un’occasione per presentare per presentare ai genitori i traguardi raggiunti dal singolo e dal gruppo.

I linguaggi creativi si sviluppano in laboratori e attività concrete come:

  • Animazione. Il movimento accompagna la parola e invita alla gestualità e alla relazione con i compagni. Il Natale e la fine dell’anno scolastico sono le occasioni in cui i bambini offrono ai genitori le loro rappresentazioni teatrali.
  • Vita della natura. Osservare, contemplare il movimento armonico del cosmo, coltivare un orto sono attività che sostengono la voglia di crescere.
  • Educazione musicale. Viviamo in un mondo pervaso da suoni, orientarsi in questo paesaggio sonoro è un’esperienza cognitiva, percettiva e relazionale che infonde fiducia.
  • Inglese. Il gioco è il miglior mezzo per imparare anche le lingue, l’attività è svolta da insegnanti madrelingua.
  • Laboratori di manipolazione e artistici. Artigiani, sarti, pittori e cuochi: le mani trasformano gli ingredienti in cibo, l’ago e il filo uniscono stoffe colorate sviluppando la motricità fine, l’arte fa esprimere ed emoziona.

L’importanza degli incarichi per favorire l’autonomia e la crescita
Fin dalla scuola d’infanzia i bambini e le bambine ricevono degli incarichi, contribuiscono così attivamente alla vita di classe, sviluppando senso sociale e di responsabilità. I punti di forza di ogni bambino diventano lo spunto per una nuova responsabilità, rendendolo orgoglioso di sé stesso.

La scuola dell’infanzia
La scuola primaria

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestGoogle+